14

smorfie

Che il rospo venga fuori!

Mettersi davanti a uno specchio a fare le smorfie, per vedere quanto si deforma il viso e che potere ha di trasmettere, oltre alla bellezza, anche la bruttezza che alberga in tutti noi, è un esercizio utile non solo a chi fa teatro, ma pure a chi il suo teatro lo vive nella vita di ogni giorno.

Guardarsi nello specchio in quelle pose che non vorremmo mai mostrare a nessuno, è un po’ come guardarsi dentro e tirare fuori tutto ciò che ci disgusta e che, per civile convivenza, siamo costretti ad ingoiare. Fai la linguaccia al capo che ti impone gli straordinari (gratis), digrigna i denti al chihuahua della tua vicina che ha una sirena incorporata nella gola, arriccia il naso contro la cassiera che, quando glieli chiedi con garbo e cortesia, ti butta regolarmente i sacchetti della spesa in faccia. Ecco, liberati dei tuoi rospi… e poi sorridi.
Se poi, alla fine delle smorfie, i tuoi rospi sono ancora tutti lì, pensa che hai fatto un po’ di ginnastica facciale, il che non guasta.

Informazioni su d.

donna per nascita, essere umano per formazione, drammaturga per incoscienza...

Pubblicato il 28 Mag 2015, in Teatro 1 con tag , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Un po' di mondo

Semplicemente un piccolo blog...

Angelo Cerrone

Tutto è relativo.Anche comunicare.

Solo io e il silenzio

appunti disordinati di Morena Fanti

Seidicente

altrimenti tutto è arte

Rituali Minet

Attraversandomi

Sendreacristina

Opere. (tell : 3403738117 )

cose nostre blog

(cose nostre in casa nostra)

un viaggio per due

scoprire, ricordare, raccontare

Roberto Chessa

live your dream

Gio.✎

Avete presente quegli scomodi abiti vittoriani? Ecco. Io non vorrei indossare altro.

Personaggio in cerca d'Autore

Un semplice spazio creativo.

parloditeognigiorno

La letteratura dà notizie che restano sempre d'attualità (Ezra Pound)

SpazioScrittura

SpazioScrittura

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: