Archivio mensile:giugno 2015

15

scrivereScrivere per il teatro

Scrivere per il teatro non è scrivere un racconto o un romanzo, non è neanche scrivere una poesia che, come ogni scrittura destinata alla lettura, è un atto creativo solitario e privo di intermediari tra autore e pubblico/lettore.
Scrivere per il teatro presuppone che tutto ciò che verrà messo su carta, dalla prima fino all’ultima frase, non solo sarà recitato da persone in carne e ossa, ma sarà anche agito in uno spazio ben preciso. Se non si persegue questa finalità scrivere per il teatro non ha senso.
Quindi quando si inizia a scrivere bisogna essere più concreti possibile. Concreto non significa realistico. Concreto in base alle possibilità e alle realtà che si hanno a disposizione.
Poi dobbiamo avere ben chiaro cosa vogliamo raccontare… non tutta la storia, quella arriverà per gradi, ma il senso che vogliamo darle.

Un po' di mondo

Semplicemente un piccolo blog...

Angelo Cerrone

Tutto è relativo.Anche comunicare.

Solo io e il silenzio

appunti disordinati di Morena Fanti

Seidicente

altrimenti tutto è arte

Rituali Minet

Attraversandomi

Sendreacristina

Opere. (tell : 3403738117 )

cose nostre blog

(cose nostre in casa nostra)

un viaggio per due

scoprire, ricordare, raccontare

Roberto Chessa

live your dream

Gio.✎

Avete presente quegli scomodi abiti vittoriani? Ecco. Io non vorrei indossare altro.

Personaggio in cerca d'Autore

Un semplice spazio creativo.

parloditeognigiorno

La letteratura dà notizie che restano sempre d'attualità (Ezra Pound)

SpazioScrittura

SpazioScrittura

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: