Archivi Blog

16


copionePrima lettura

Dedicato a Giulia e a Guendalina
Essere di nuovo intorno a un tavolo, avere di nuovo un copione tra le mani, il mio, un copione che esplode nelle orecchie e nella testa. Essere di nuovo con i sensi all’erta, attenti a ogni inflessione, a ogni respiro, avere di nuovo gli occhi che cercano un contatto con l’anima degli attori, sospesa tra ciò che è e ciò che dovrà diventare.
Mai come in quel momento loro, attori e personaggi, hanno bisogno di te: dei tuoi perché, del perché delle tue scelte, del perché delle parole, quelle e non altre, e tu devi saper ricordare e trasmettere il ricordo, il tuo filo rosso che dalla pagina bianca ti ha portato a quei corpi che respirano, che si muovono, arrotolati in emozioni variabili quanto è variabile il corso della vita. E, alla fine, è come una danza: gli attori, l’autore, i personaggi già vivi nelle parole che si lanciano – lievi, urlate, ironiche o spruzzate di malinconia –, nel movimento che si palesa attraverso le intonazioni della voce – una spinta, un broncio, una risata –, nella scena ancora solo immaginata – una foglia che cade, una panchina nell’ombra – ma che è già scena negli occhi di ognuno, che è già teatro.

10

birdÈ teatro, parliamone

“Birdman”, teatro nel cinema, cinema nel teatro. Gli attori sono davvero così narcisisti? Sì. Il mondo dello spettacolo è davvero così folle e spietato? Sì.
Il film di Inarritu non è solo un bel film girato con la camera a mano in una continua girandola di piani sequenza e piani sovrapposti studiati meticolosamente a tavolino, non è solo un cast di attori eccezionali che reggono la sceneggiatura anche per dieci minuti di fila piegati alla volontà del regista che li spiattella sullo schermo come se fossero nel mezzo di una pièce, ma è l’essenza del teatro stesso: amore, odio, fortuna, narcisismo, invidia, talento, incapacità, ipocrisia, esaltazione. Altezze e bassezze di un mestiere che solo chi lo vive sulla pelle sa di cosa stiamo parlando quando parliamo di teatro.

9

mondiMondi paralleli

Come tutti i mondi anche questo del teatro è spaccato in due: c’è chi intraprende la carriera di teatrante per passione e chi per narcisismo.

Di solito chi cerca il successo a tutti i costi – spesso arrampicandosi sugli specchi e sulla testa di chiunque – si riconosce dallo sguardo viscido e dal sorriso a stampo. Quando capita la sventura di trovarsi al suo stesso tavolo, state certi che appena gli è possibile scomparirà senza salutarvi per avventarsi sul “tizio-che-conta-di-turno”, salvo poi inviarvi un sms papiro per convincervi ad assistere al suo nuovo mega-fico-strabiliante spettacolo. Che dire? Guardatevi le spalle!

4

lunaGli inguaribili

L’attore è un inguaribile narcisista. Come l’inguaribile romantico ulula alla luna invocando tra spasimi e sospiri il nome dell’amata, e gli batte il cuore al suono di quel nome e cerca gli occhi di lei in quelli di ciascuna donna, così l’inguaribile narcisista ulula ai fari appesi alle graticciate invocando tra spasimi e sospiri il proprio pallido nome, e trema di arrogante appagamento al suono di quel nome, cercando nell’applauso del pubblico l’effimero consenso. Chi è che disse: «L’umiltà è la virtù dei grandi»? Meditate attori… meditate.

1

cartaQuestioni di carta

Rimango sempre basita di fronte alla superficie su cui vengono scritti i nomi degli autori di cinema o teatro. Una superficie talmente liscia da cui i nomi, inesorabilmente, scivolano via. Ben diversa da quella su cui vengono vergati a inchiostro 3D i nomi del regista e degli attori. Ruvida, solida, assorbente.

Un po' di mondo

Semplicemente un piccolo blog...

Angelo Cerrone

Tutto è relativo.Anche comunicare.

Solo io e il silenzio

appunti disordinati di Morena Fanti

Seidicente

altrimenti tutto è arte

Rituali Minet

Attraversandomi

Sendreacristina

Opere. (tell : 3403738117 )

cose nostre blog

(cose nostre in casa nostra)

un viaggio per due

scoprire, ricordare, raccontare

Roberto Chessa

live your dream

Gio.✎

Avete presente quegli scomodi abiti vittoriani? Ecco. Io non vorrei indossare altro.

Personaggio in cerca d'Autore

Un semplice spazio creativo.

parloditeognigiorno

La letteratura dà notizie che restano sempre d'attualità (Ezra Pound)

SpazioScrittura

SpazioScrittura

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: